Cerca

Condivici su Facebook

Condivici su Facebook

Clown Therapy

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail


La C.A.I.L.G. sta portando in tutti gli ospedali italiani la Clown therapy,  ovvero la terapia del sorriso. Un modo per regalare ai bambini malati, una giornata all'insegna del divertimento, fatta di giochi, battute e consegnando a tutti i piccoli pazienti giochi e dolciumi acquistati con i fondi raccolti dall'associazione.
Questa iniziativa si ispira alla teoria del Dottor PATCH ADAMS, convinto che il clima che si respira negli ospedali tende a demoralizzare i pazienti soprattutto i bambini. Così attraverso l'intervento dei clown, i pazienti risultano più felici, distesi e reagiscono meglio alle cure. La C.A.I.L.G. si pone come obiettivo l'allargamento di questa iniziativa e mira a portare del sano divertimento a quanti più bambini è possibile, perchè ogni bambino ha DIRITTO DI SORRIDERE.
Un ringraziamento particolare a tutti i medici che ci hanno permesso e che ancora oggi stanno rendendo possibile la realizzazione dellla Clown Therapy della C.A.I.L.G.




Un GRAZIE anche a tutti voi, che con il vostro sostegno, avete permesso alla nostra associazione, la realizzazione della Clown Therapy. Un progetto annuale che è stato accolto con entusiasmo da parte di tutti.

Obiettivi raggiunti


Tra gli obiettivi raggiunti c'è l'acquisto di un navetta per il trasporto degli anziani:

Tutte le altre iniziative svolte

La prima  occasione d'organizzazione e di sperimentazione sociale a scopo benefico realizzata dall'associazione (la cui denominazione era ancora C.A.I.L.) è stata la preparazione - in collaborazione con la Circoscrizione del Comune di Napoli Mercato Pendino - del:
"Pranzo Di Beneficenza" del Natale anno 2000 - I edizione
in favore dei poveri e degli emarginati della città partenopea.
L'evento si é svolto nella giornata del 25 dicembre, a partire dalle ore 13.00, protraendosi fino al pomeriggio inoltrato.
Il banchetto festivo, cui sono accorse più di duecento persone, affrante dalla solitudine e dal freddo, ha avuto luogo nella sal dell'ex cinema Italia, sita in Napoli al Corso Garibaldi n.365 (N.d.R. nei pressi della stazione ferroviaria).
Forse, ad un primo impatto, potrebbero sfuggire le recondite motivazioni di questa scelta, dato che si tratta di un'esperienza che esula in un certo qual modo dalle finalità statuarie e programmatiche dell'associazione.
Ma se si riflette più attentamente, si intuisce che è stata prescelta ed affrontata dal C.A.I.L. una simile iniziativa, in quanto strettamente correlata al discorso umanitario perseguito dai volontari del centro Nella cui mentalità è saldamente radicata la convinzione che non esistano limiti e confini per fare della vera e sentita  - solidarietà sociale - soprattutto in un giorno speciale e sacro, come quello del SS Natale.

Essi stessi, infatti, non hanno esistato un solo istante a rinunciare ai tradizionali festeggiamenti domestici in compagnia dei propri cari, per offrire un pò del loro tempo e sostegno a quei tanti sfortunati per i quali il Santo Natale è soltanto un giorno eguale a tutti gli altri.
Così, per alleviare il malumore che alberga nell'animo di queste persono, prive di dimora e di assistenza, i soci del centro, in tale circostanza
festiva, hanno concentrato le loro energie per ricoprire gli ospiti in sala di premure e di riguardi, coinvolgendoli - tra una portata e l'altra di un'abbondante menù - in un'atmosfera di serenità e di allegria, tra balli, canti e risate.
E' facilmente prevedibile, dunque,  che una simile vicenda, pervasa da tanto entusiasmo collettivo ed apportatrice di così grande soddisfazione, induca i componenti del centro a replicare tale esperienza in ulteriori circostanze.

L'associazione, infatti, decide di rinnovare l'appuntamento natalizio all'insegna della solidarietà per gli emarginati, impegnandosi nell'organizzazione del:
" Pranzo di Beneficenza" del SS Natale 2001 e 2002 II e III edizione
La cui realizzazione ha avuto luogo nella giornata del 25 dicembre, nel medesimo luogo e nelle modalità analoghe della passata edizione.
A sostegno delle predette imprese benefiche hanno manifestato concretamente la loro solidarietà alcune aziende private campane, tra cui:
  • D' Auria;
  • Sniberg S.r.l.;
  • Quattromani Industria Carni;
che si sono prodigate nella concessione di alimenti e bevande ai fini del convivio sociale.
Nel panorama delle attività umanitarie affrontate dal C.A.I.L.G., occupa un'altra posizione di rilievo l'iniziativa effettuata in data 6 gennaio 2003 all'interno della struttura ospedaliera "Santobono" di Napoli che ha attivato la maggior parte dei soci del centro nella realizzazione della cosidetta "Epifania di Beneficenza " I edizione.
Siffatta ricorrenza - che per antonomasia è la festa dei più piccini - si è rivelata un'autentica occasione di solidarietà in favore dei piccoli pazienti ricoverati nei  molteplici reparti dei padiglioni ambulatoriali.
I quali hanno ricevuto da parte del centro tante tenere e solerti attenzioni, nonché naturalmente giocattoli e calze piene di caramelle e golosità varie.

Una parte delle quali é stata gentilmente donata dall'industria dolciaria "PAPILLON". Un'atmosfera briosa e frizzante ha serenamente accompagnato il percorso ospedaliero dei volontari, fortemente animati dal desiderio di trasmettere ai piccoli degenti un messaggio d'affetto e di speranza, condividendo le loro sofferenze e le pene dei loro familiari. Il tutto si é svolto fedelmente ai canoni della tradizione:

  • il classico travestimento della befana;
  • la consegna dei giocattoli e delle calze;
  • la comparsa di Babbo natale;
  • le dolci melodie natalizie.


Prezioso ai fini dell'infanzia è stato il contributo di alcuni istituti scolastici paritari del napoletano, e precisamente: la Domus Pueri; e  la scuola delle Meraviglie.
In quanto, i rispettivi insegnanti ed alunni hanno aderito tempestivamente alla richiesta dell'associazione inerente la donazione di giocattoli destinata alla citata impresa benefica.

Ripercorrendo l'itinerario delle iniziative sociali pianificate dal C.A.I.L.G. in occasione delle festività natalizie, è da segnalarsi l'esperimento tentato per la prima volta dal centro inerente l'organizzazione del:
" Presepe Vivente"

La rappresentazione della Natività è stata inscenata il giorno 14 dicembre 2003 dai piccoli allievi della "Scuola delle Meraviglie" nella sala-teatro del predetto istituto.
Parimenti, nel panorama delle operazioni di rilevanza sociale effettuate dall'associazione, rappresenta un'assoluta novità l'ideazione di uno spettacolo teatrale, a scopo benefico, intitolato:
" Un dono al Mio Amico "
I edizione anno 2003

L'evento si è svolto nella mattina del 21 dicembre all'interno della sala del teatro-cinema "Corso" sito in Napoli al Corso Meridionale.
Tale progetto ha coinvolto gli alunni di alcuni istituti scolastici partenopei delle sezioni comunali S. Lorenzo, Vicaria e S. Carlo all'Arena, e precisamente, oltre a quelli poc'anzi citati il:
"S. Giuseppe Moscati" e il 24° circolo " Dante Alighieri "
Calorosa e massiccia è stata la risposta del pubblico (più di seicento persone tra bambini ed adulti) che ha aderito all'iniziativa, gremendo l'intera sala teatrale.
La manifestazione, pensata per i più piccini. si è contraddistinta  proprio per un'ambientazione consona al loro spirito ed aspettative.
E' stata, infatti, piacevolmente allietata dalla presenza di clown, trampolieri, marionettisti, animatori; e dagli artisi della compagnia:

" Sole, Cielo e Mare "

i quali hanno intrattenuto gli ospiti con esilaranti gags e note rappresentative, tra cui:

- una sequenza tratta dal musical "Grease" e
- la fiaba " La Bella e la Bestia"
riscuotendo lunghi e scoscianti applausi.
Siffatta iniziativa dal carattere ludico-ricreativo e al tempo stesso solidaristico è stata, infatti, concepita dal C.A.I.L.G. con la finalità di raccogliere giocattoli destinati ai bambini più sfortunati ricoverati nei presidi ospedalieri della città di Napoli e a quelli che vivono in casa famiglie.

Il 6 gennaio 2004 i volontari del C.A.I.L.G.- muniti degli abiti tradizionali di Babbo Natale e della Befana - armati di sorrisi e di doni visitano rispettivamente:
- i numerosi reparti dei padiglioni dell'Ospedale "Santobono" e il dipartimento di Oncologia dell'Ospedale "Santobono Pausillipon" (Primo e unico centro regionale per le malattie oncoematologie dell'infanzia, punto di riferimento nel Sud Italia). realizzando così la II edizione della:
" Epifania di Beneficenza " II edizione anno 2004
consegnando ai piccoli pazienti, che affollano le predette sedi ambulatoriali, dolciumi e migliaia di giocattoli, seminando nelle corsie un'atmosfera di contagiosa allegria.
Nelle prime ore mattutine del 9 gennaio i volontari donano i giocattoli ai bambini napoletani che vivono nella casa-famiglia delle:
" Suore Francescane del Sacro Cuore "